Stanze della nostalgia

 

No, non chiedermi perché guardo in basso.
È solo un gesto parassita
per non vedere;
per non vedere.
E poi dovrei parlarti d'un bimbo
che cercava rifugio
nei dorsi dei libri
per tacitare il silenzio
e d'una tempia
che pulsa ancor'oggi
d'una rabbia repressa;
per una parola mai detta.
Nostalgia è altro;
non il ricordo che spezza.
La nostalgie est un regard timide
- le dernier rayon de soleil, 
sur un passé, jamais vécu.
No, non farmi quella domanda. Accontentati 
di sapere ch'io amo il suono
di ciò che mai s'è degnato
di rispondere alle mie chiamate
e che se trovi il mio sguardo perso
è perché sto litigando
con un'assenza sarcastica;
con un coro di voci bianche.
No, amica, mia, non c'è nulla,
di più presente
nei midolli d'un uomo
d'una infanzia mai vissuta. 

Inedito 2022 di Sergio Daniele Donati
Foto dello stesso autore




stampa la pagina

Commenti