Post

A un giovane imputato

Immagine
Ieri ho sfiorato un'altra volta la barba d'Odisseo; parole alte dedicate forse alla voce nascosta di ciò che non torna. Ma nel fascicolo, oggi, c'eri tu, e i tuoi occhi troppo neri per non ricordarmi quelli di mio figlio, troppo persi perché  non ci vedessi i miei di allora. Il Mito che spesso usiamo per nasconderci alla vita era oggi lì, tra i fogli di quel fascicolo, a raccontarmi quali sirene t'abbiano spezzato il respiro. Io non so esser chiglia, né sono albero maestro, ma potrei farmi per te zattera o remo - se mai vorrai remare.  Ora, però, ti prego smetti di guardarmi negli occhi; posso difendere Il tuo diritto al futuro solo se evito la memoria di ciò che sono stato a un passo dal diventare. Foto e testo - inedito 2022 - di Sergio Daniele Donati

Il quarto Alef-Bet - 09 (Het/Tet)

Immagine
Va da sé; ogni scrittura è inchiostro di penombra su pergamene di luce. Eppure a volte pare di poter scrivere - e leggere e interpretare - pulviscoli di polvere provenienti dal nulla Foto e testo - inedito 2022 - di Sergio Daniele Donati ©

Odisseo e la fune

Immagine
Che dire del vento che offusca le direzioni, o della bonaccia che lancia alta  l'angoscia d'un ritorno non più immaginabile? Se mi trovi legato  all'albero maestro non è per il canto delle sirene - è solletico alle mie orecchie il loro fingere il bello  in un giallo sorriso sdentato. Ho bisogno invece  di funi robuste che mi seghino le caviglie e di ritrovare nella caduta di gocce di sangue sul ponte il senso profondo d'una direzione perduta. Foto e testo - inedito 2022 di Sergio Daniele Donati ©

Se avessi saputo...

Immagine
Se avessi saputo che canto era non avrei cantato; certe disarmonie non sono nelle mie corde e l'ultima battuta, quella che chiude, l'ultima nota l'avrei voluta sospesa al filo di rame d'un legame che articola il futuro invece che spezzarsi sotto il taglio d'una cesoia sgraziata. Ma siamo figli d'un burattinaio privo di senso dell'umorismo e, anche se ne deridiamo la voce stridula mentre ci impone saltelli e moine, è lui che ci tiene in piedi.  Allora sì, se avessi saputo che canto era, certo non avrei cantato; ora posso solo sentire l'applauso mentre mi allontano  e giro la schiena a un pubblico incapace di comprensione. Mi chiedi perché mi dondolo come tanti, in preghiera. Qualcuno, rispondo, dovrà ben dare all'onda e alla risacca e al ritorno il significato  che il mondo loro nega.  Gli anziani, come certe lettere, perdono i denti,  mai il sorriso, e io  sono antico nel midollo. Per questo mi dondolo e alla malora il canto che non avrei mai cantato

Due poeti allo specchio (Barbara Rabita e Sergio Daniele Donati)

Immagine
La colpa La mamma indossa un orecchino tondo, con la clip. Afferra il fascio di capelli della figlia: un mazzo di cicoria da tagliare alla radice. Vuole plasmare quel fascio, una forma a lei congeniale. Tra le labbra strette tiene elastico e due pinzette, la fessura sottile degli occhi trattiene un moto di nervosismo, si bagna di una lacrima da sforzo. Così devo essere? Si domanda inconsapevole la bambina, teso il cuoio capelluto, artiglia il lavandino mentre oscilla sotto le mani sapienti della madre. Lo specchio riflette la loro immagine e una piastrella scheggiata, rimasta così dopo un silenzio durato troppo. Barbara Rabita - inedito 2022 Eppure Eppure sulle nuche dei nostri figli - che fummo; che siamo -  poggia una mano divina una carezza turchese che il nostro contatto di padri (di madri?) scimmiotta, imbranato.  Eppure nelle nostre pupille di genitori incauti e inciampanti brilla la fiamma  delle parole che ci si strozzano in gola per quel dono immeritato La vita, sì la vita, am

Dialoghi poetici coi Maestri - 46 Velimir Chlebnikov (un dialogo in più stanze)

Immagine
Velimir Chlebnikov - immagine di repertorio dal web Senti il rumore, eh, amico mio Questo qua è dio che salta dentro un Pio. ( Velimir Chlebnikov - tratto da 47 poesie facili e una difficile a cura e tradotto da Paolo Nori - Quodlibet ed.) Sento odor di risacca, del ritorno di Dio nelle schiume del pensiero;  che non è mai mio. ( Sergio Daniele Donati -  inedito 2022 ) Poco, mi serve. Una crosta di pane, un ditale di latte, e questo cielo e queste nuvole. ( Velimir Chlebnikov - tratto da 47 poesie facili e una difficile a cura e tradotto da Paolo Nori - Quodlibet ed.) Il cielo non basta mai a sé stesso; è stanco il mio orecchio d'ascoltare di penne eccelse l'incapacità di dimenticarsi di sé. ( Sergio Daniele Donati -  inedito 2022 ) Nella piazza della vecchia città Si è raccolta una nera assemblea: Operai, ragazze, militari. E l'albero delle parole lascia cader le foglie. ( Velimir Chlebnikov - tratto da 47 poesie facili e una difficile a cura e tradotto da Paolo Nori - Quo

(Redazione) - 14 - Lo spazio vuoto tra le lettere - "Poesia degna e sobria": a proposito “Khamsin” di Maria Grazia Galatà (Marco Saya ed., 2021)

Immagine
A cura di Sergio Daniele Donati Nel 2021 è uscita per i tipi di Marco Saya Editore la silloge  Khamsin di Maria Grazia Galatà, raccolta che sicuramente si caratterizza per la maturità dei tratti stilistici e di contenuto.  Come altrove nella produzione copiosa dell'autrice, troviamo anche in questa raccolta il richiamo al dominio di una geometria del sentire, quasi ad una familiarità con l' aritmetica del sentire.  Già alla prima composizione della raccolta quanto sopra appare evidente.  Ne riportiamo il testo qui sotto ed è tramonto di un passo dentro ogni spina di spine  la fine di un luogo  la forma dell’angolo nel limite ignoto  e dimmi – le tue albe quali sono? La misura è già presente al secondo verso in quel passo che appare non incerto ma cadenzato e diretto verso la fine di uno spazio ben delineato.  Una finis, un exitus, un tramonto  che trova specchio nella domanda finale, con una simmetria che non può non esser colta da chi legge.   E non si può non notare che qu

Il quarto Alef-Bet - 08 (Zain/Het)

Immagine
Una cadenza lenta un fuoco basso in un deserto alieno testimoniano l'unione impossibile. Il bacio dei contrari crea il varco; e io sorrido. Testo  -  inedito 2022 -  e immagine di Sergio Daniele Donati

L'altro lato della meditazione

Immagine
Prima sono i simulacri del ricordo. Disorganizzati e cristallini, si manifestano come urla leggere di bambine, nei parchi giochi.  Sembrano scatole color pastello con dentro gessetti in mille pezzi per scrivere numeri  su cui saltare ilari su un asfalto asettico.  Poi è il vento o l'acqua; e si tacita ogni memoria nel momento del ritorno al ventre di balena del respiro. Là chi medita muta  colore dell'iride e l'ossidiana trascende in diaspro, la giada in granito; la pirite in oro. Il corpo manifesta l'ossimoro d'una tensione etica e rilassata sull'asse verticale della non comprensione. E, se c'è un canto, è simile a quello d'Odisseo  prima di abbandonare Itaca non a quello della sirena. In meditazione si è a un passo dalla salvezza ma quel passo non si compie. Il giogo del qui e ora pesa sui nostri colli; e restiamo assenti alle radici, evanescenti al sorriso dei nostri stessi figli. Siamo schiavi d'un dire ebete che non accetta  il disequilibrio fer

Quattro inediti tratti dalla silloge "Se mi sfiori (s)fiorisco" di Valentina Meloni

Immagine
donna cosmo sono una donna cosmo ho in me vortici di stelle la luna e i pianeti e il corpo celeste del creato negli occhi orbite e rivoluzioni tra i seni venti e maree nelle mani fiumi e foreste nei capelli rami pulviscolo di sogni e il mio grembo è un prato fiorito un giardino incantato in cui sbocciano le aurore sono del mare dell’acqua del vento sono del mare dell’acqua del vento non mi puoi prendere legare incatenare sono del mare dell’acqua del vento vado per strade tessute di bisso e fluttuo con le maree del mio essere vago per campi di luna in luminosi sentieri intenta sono del mare dell’acqua del vento sono del tempo buono quello che non si conta e navigo su oceani di solitudine persa in abissi infiniti di malinconie solo mie mi perdo negli idrogeni del mondo… io sono del mare dell’acqua e del vento c’è un pianto nel cielo il freddo m’è penetrato nelle ossa oggi tutto riluce di vaghezza c’è un pianto nel cielo che resta sospeso tra nubi e desiderio la siepe si è innalzata a dis

(Redazione) - Nota di lettura alla silloge di Adriana Rinaldi "Dentro un chicco di caffè" (Porto Seguro ed., 2022)

Immagine
È uscita ad ottobre del 2022 la nuova raccolta poetica di Adriana Rinaldi per i tipi di Porto Seguro ed.   La silloge si caratterizza per una scrittura meditativa e molto personale in cui l'autrice lascia trasparire un mondo etico e spirituale in cui i richiami al sacro, benché non sempre espliciti, sono del tutto evidenti.   Tuttavia qui il sacro, al contrario di molte altre scritture che vivono gli eccessi d'una imposta seriosità, prende le caratteristiche del tutto differenti di una quotidiana serietà. La cosa è evidente già dal titolo eletto dalla autrice per la sua silloge, ove viene esppresso appieno il rapporto intimo tra interiorità e una piccolezza creativa che non comporta mai sminuimento. Ad esempio in una sua composizione senza titolo l'autrice così scrive: Mi risuona il tempo non tempo mi risuona l'essere imperituro dell'esistenza lo spazio cosmico sublimato da percezioni metafisiche. Un soffio la vita. L'esordio della poesia richiama elementi alt

Due poeti allo specchio (Bruno Di Pietro e Sergio Daniele Donati)

Immagine
Augusto a Somma evoca Orazio e Mecenate di Bruno di Pietro Tutt'altro che pallida, Quinto, è la morte. Nulla s'impara nella perdita dei più cari affetti come in quell’ostile autunno che portò via te e Gaio. Ritroveremo nell’Ade il sapore delle olive e del vino della Sabina e quei silenzi in cui ognuno pensava con se stesso? Il mio viaggio verso l'origine si ferma a Somma non si può vedere l'inizio prima della fine. Sono in quella radura del tempo e dello spazio che non ha sponde: non più qui non ancora altrove. Devo salutare le costellazioni mentre incoronano il vulcano. Svanisce la quieta maestà delle stelle di fronte alla minacciosa infinità priva di futuro. Svanisce l'erba in questi afosi giorni estivi svaniscono le rose prima del crepuscolo. È questa la notte dell’antico niente e persino le ali della luce sono lente quando non sai più se l’ora passata è un'ora persa o un’ora guadagnata. Ascolta. Il cigolio degli scalmi lo sciabordio dei remi annunciano l'

Un mezzo liquido

Immagine
Necessita di liquido ogni dire che, troppo a lungo stagnante, è cozza sulla roccia scivolosa della parola. Il silenzio , certo, è fluido ma troppo torbido e solleva ad ogni suo passaggio bruni fondali di significato.  Cerco dunque non lo zittimento, ma una parola ebete, uno sguardo ottuso sul suono che le cose trasmettono come sirene sdentate.  Foto e testo -  inedito 2022 -  di Sergio Daniele Donati

(Redazione) - 13 - Dissolvenze - RACCONTO A QUATTRO ANTE (parte terza e quarta)

Immagine
A cura di Arianna Bonino Questo armadio racchiude quattro brevissime storie. Ma, una volta aperte tutte e quattro le ante di questo strano armadio, si scoprirà che la storia è una e una soltanto. Forse. Le prime due ante sono state aperte il mese scorso e le trovate qua E ora, se volete andare fino in fondo, seguitemi…   TERZA ANTA: RESISTENZE Sarà stato anche moderno e spazioso, almeno così le era parso durante i due sopralluoghi, ma adesso che c’era, via via che prendeva confidenza con quell’appartamento, si faceva sempre più chiaro quanto fosse datato l’impianto elettrico: arterie, capillari, snodi e resistenze che colonizzavano le pareti di un macramè d’inestricabili compromessi avevano fatto cilecca già un paio di volte in un solo pomeriggio. Una regola di base della convivenza tra lei e quella trama sottocutanea ricoperta d’intonaco giallo s’impose da subito. Doveva scegliere: o un toast accompagnato dal brusio del televisore oppure il microonde che trasformava qualcosa in qualco

Un "attimino"

Immagine
Pare che D.o, sollecitato dall'Uomo ansioso d'essere creato, si sia rivolto al fango  che teneva in mano dicendo "Un attimino , dammi tregua e arrivo subito anche da te" . Dicono i saggi che allora  furono creati l'Uomo, il Tempo e l'entropia della parola che ancor oggi incarcera per salto anche l'uomo - e la donna o chi gioca con la tua attesa. Foto e testo - inedito 2022 - di Sergio Daniele Donati ©

Sobrietà (sei milioni)

Immagine
Mi capita mentre scrivo di sentire il canto di sei milioni di voci afone; un soffio sul Silenzio della storia.  Scrivo d'altro allora e così, forse, salvo quella memoria dal secondo cappio  d'una parola indicibile, straziata e zoppa. Foto e testo - inedito 2022 - di Sergio Daniele Donati ©

Due poeti allo specchio (Daìta Martinez e Sergio Daniele Donati)

Immagine
Un suono sordo Trattiene un suono sordo e ottuso quel grido nostrano, quello sbatter d'ali prima del primo volo - o della prima caduta. Sorride - è vero - il bimbo dei suoi inciampi e così noi che chiamiamo vita la fragile tenacia del filo  d'erba; su terre arse. Sergio Daniele Donati - inedito 2022 © e m’odora silenzio il profilo tuo lento un piccolo inverno fiorito sul grembo così che tutt’intorno piove la scena al canto poggiato nell’identica attesa del prato è il segnale sfilato dalle campane di campagna che per assenza volta tesa d’ avutra vucca lieve al sole Daìta Martinez  - inedito 2022 © ____ Nota biobiografica sui poeti  Daìta Martinez, palermitana, ha pubblicato con LietoColle (dietro l’una), 2011, segnalata alla V Edizione del Premio Nazionale di Poesia “Maria Marino”, e nel 2013 la bottega di via alloro. Vincitrice - sezione dialetto - del 7° Concorso Nazionale di Poesia Città di Chiaramonte Gulfi, è stata finalista, per l’inedito in dialetto, d