Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2019

In evidenza

Sinal Fechado (Chico Buarque)

Immagine
Hai voglia a dire “smetto di credere nell'amore”. Ciò che cade a terra, lo so bene, a volte non si rialza più. Viene soffiato via dal vento, come i resti di un giornale bruciato per strada, per gioco. Ciò che cade (credi che lo ignori?) fa il rumore sordo di un cranio sull'asfalto. Uno “stump” cui non segue più alito né respiro. Ciò che cade sul freddo glaciale di uno strappo imprevisto ha il suono del...no anzi non ha suono. Un grido muto lanciato verso orecchie sorde. Hai voglia a dirmi di aiutarti a smettere di amare, amico mio. Come se non conoscessi ancora il desiderio di dire basta, di sprangare la porta dietro ogni speranza. Come se... Ma a me hanno dato ali, amico mio. Spezzate più volte dalle tempeste della vita, certo, ma ancora capaci di volo. Allora mi stendo a terra. Mi faccio cuscino morbido sotto la tua caduta. Crollami pure addosso. Spezzati pure in fratture scomposte, incrinami le vertebre nella caduta. Ma il tuo cranio non toccherà l'a
stampa la pagina

Elezione

Immagine
Terra Arata di Joan Miro (dettaglio) Ascoltando l'Andante sostenuto quasi adagio del   Piano Concerto No. 1 in re maggiore op. 17 di Camille Saint-Saens  Se potessi piegarmi, Fedro, rinunciando ad ogni orgoglio, credimi, lo farei. Ma tu sei suono d'archi potenti fatti di lettere, Fedro. Io, Fedro, sono invece incapace di celare significati arcani quando il tuo aratro passa sulle mie argille indurite dal gelo. Se potessi inchinarmi, Fedro, davanti alla superiore statura delle tue note ripetute, credimi, lo farei. Ma tu sei intervalli di seconda, di settima, fatti di lemmi antichi come il cielo prima della separazione. Io invece sono pece. Pece nera, balbuziente, claudicante. Incurante di ogni valore, io vago, Fedro. Io vago e estendo senza pudore i significati delle parole che tu ami gettare a terra nell'elezione di una diversa Qualità. Io raccolgo cocci, Fedro, i tuoi, su un terreno aspro, le nocche delle mani scorticate e sanguinanti. I
stampa la pagina

La casa dei sogni (ascoltando le 7 toccate di J. S. Bach eseguite da Glenn Gould)

Immagine
Disegno della piccola immensa Ruth Marie (11 anni) Hai ragione Glenn. Dovrei ricordarmelo più spesso.  Le tempeste sono sempre e solo esterne e lasciano rivoli sulla nostra pelle che, certo, invecchia.  Il vento, poi , Glenn, ci soffia sui pensieri e tardiamo sempre di qualche secondo l'istante del nostro ritorno.  Tardiamo e tradiamo l'istante, anagrammi noi stessi delle poche lettere che sappiamo mescolare.  Per questo il nostro stesso nome ci sfugge.  Eppure Glenn, tu lo sai bene, esiste sempre una possibilità di suonare uno staccato, riempiendo i silenzi tra le note delle nostre intenzioni di balzare.  Uno staccato per oltrepassare lo steccato dei nostri turbamenti.  Il mio nome è Fedro, Glenn. Il mio nome è Fedro.  E lancio sguardi dietro lo steccato dal giorno del mio primo respiro, là dove si cela la casa dei sogni. Un albero antico, un ruscello limpido dove posare le nostre fatiche.  E sono piedi nudi sul muschio morbido. E pennellate infan
stampa la pagina

Mi piace

Immagine
Mi piace  pesare la penna, prima della parola, tener sospeso lo strumento, prima degli aliti del lettore, incidere segni su un foglio bianco, prima che nel suo cuore,  Mi piace il gesto quasi pianistico dello scrivere al computer, prima di ogni significato, il corpo e la forma delle lettere, prima del loro suono.  Mi piace pensare e pesare la scrittura, come si pesa e pensa ad una pietra che, più che da scagliare lontano, sia da posare con pudico gesto, su una tomba ebraica, in simbolo eterno di trasmissione.
stampa la pagina

La geometria dell'amore

Immagine
Foto di Noelle Ozwald C'è una geometria dell'amore i cui equilibri poggiano su teoremi così sottili da sembrare abbandonati ai venti del Caso. Esiste poi un'algebra dell'abbandono le cui logiche sembrano scritte in codici indecifrabili. Eppure l'artista, quello vero, sa trasmettere nel caos apparente la Legge che lo governa, e nella Babele della parola il Silenzio che, tacendo, esprime. Quei pochi artisti che parlano la lingua che sento mia, senza saperla però pronunciare, giocano come Maestri tra luce ed ombre, tra l'orizzontalità delle nostre pulsioni e la verticalità dei nostri aneliti. E parlano al cuore, al mio cuore, in modo geometrico, ricordandomi che esiste una Via che sa muoversi con la delicatezza fragile del petalo al di sopra del mio vissuto. Di fronte alle loro opere io, inarrestabile "bavarde", menestrello senza liuto, dismetto il mio canto sgraziato. Perché dove parla la Legge, che tutto governa, non ho parola da
stampa la pagina

L'amore, dicevi...

Immagine
Foto di Noelle Ozwald L'amore, dicevi: è il goniometro della mia anima.  Traccia con precisione assordante linee sugli angoli più riposti delle mie speranze. è la squadra dei miei pensieri.  Disegna con minuzia d'amanuense e passo di danza i poligoni dei miei abissi. Io tacevo e tacevo e tacevo, ancora. Perché per me l'amore è Sfera, e rotola gioioso ed incurante sulle tracce di un passato silvestre, Perché l'amore per me è un Nome senza rima, e, benché non detto, scava solchi su un terreno argilloso, e impone note diafane ai canti miei antichi, Perché l'amore per me è ciglia e sguardo, e sospiro ritroso e fuggente su una terra che trema, e sotto un cielo che abbaglia.
stampa la pagina

Ricordi?

Immagine
Foto di Noelle Ozwald Ricordi? C'è stato un tempo in cui la linea dei nostri due destini s'è piegata sulle note di un canto comune. Osserva.  Quel tempo che parve per un istante eterno traccia segni fluorescenti nella stanza azzurra.  Ascolta. È ora ch'io vada per non far più ritorno,  che la goccia di pioggia sui nostri volti ceda il passo al raggio di luna,  che il celeste dei nostri intonaci trasudi perle scarlatte da me non colte. Passo di petalo, il primo, il mio, per non fare ritorno.
stampa la pagina

La mia vita con Glock - 04 Glock incontra Laura

Immagine
Illustrazione di Patrizia Comino “No, non chiedermi da dove origini la mia scrittura. Sono pianti di bimbo, là nella stanza scura, prima di ogni significato, di ogni rimpianto”, pensavo dopo la domanda di Laura.  Lei mi guardava, innamorata. Non c'è niente che innamora di più di un poeta sofferente, si sa.  Ma no, non era questo il gioco che volevo giocare. Chiudevo gli occhi, e quel bambino me lo vedevo davvero lì davanti.  Spaurito, sperso, gli occhi sbarrati verso un futuro incerto.  “Laura”, dissi, “ ti prego non me lo chiedere. Piuttosto, facciamo ancora l'amore”.  “Ma io”, rispose Laura con lo sguardo umido, “l'amore con te lo faccio ogni volta che ti leggo. Non è certo il tuo bel fondo schiena che mi ha fatto perdere la testa, sai?”.  Glock, seduto sull'elastico dei miei boxer, rideva come un ragazzino. Poi cominciò a canticchiare, come al solito:  Gabriele, Gabriele,  no, non devi esser fedele  alla tua sofferenza.  Ma se proprio non
stampa la pagina

Take my hand (ispirata a “Insensatez” di Antonio Carlos Jobim)

Immagine
Antonio Carlos Jobim Battono e levano, ormai nel sogno,  i balzi del cuore  un ritmo sincopato.  Peso di foglia, di piuma,  son nel muschio umido del ritiro  parole ritrose.  Irrorano semi celati  anche all'occhio del cercatore  più avido.  Eppure le mani fremono;  mani vissute, piccole,  scorticate.  Incapaci di trovare tasca,  implorano il ritorno  di ciò che mai fu  E saltella, svolazza e plana  su acque evanescenti  l'anima di chi spera. 
stampa la pagina

Il pugile (ispirata a: Gioco d'azzardo di Paolo Conte)

Immagine
Schiva, schiva, para, schiva e colpisci. Montante basso, para, schiva, schiva ancora. E saltella, danza, cambia guardia, resta al centro del ring, attacca, danza ancora. Diretto, gancio, diretto. Alza la guardia, esci dalle corde, schiva. Colpisci ora. Colpisci...ora. E nella testa quel ritornello, piazzato sotto l'arcata sopraccigliare ormai rotta: “io parlo di me, di me che ho goduto, di me che ho amato e...”. Attento, para, ora entra nella sua guardia. Uno, uno, due. Uno. Saltella. Al corpo, al corpo, senza sosta, senza pietà, toglili il fiato. “...e che ho perduto”. Gancio, gancio, diretto, gancio. Non fermarti. “Adesso è tardi e dico soltanto...” Cambia guardia ancora, il sudore ti brucia nel sopracciglio. Non importa, mordi, attacca, attacca, non dargli sosta. “...che si trattava d'amore”. Diretto, diretto, gancio, montante, diretto. E' a terra. ….sette, otto, nove, dieci “...e non sai quanto”.
stampa la pagina

Lo chiamano cambiamento

Immagine
Lo chiamano cambiamento. E fanno bene.  Perché è la parte inferiore del viso a manifestarne per prima la presenza.  Lo chiamano cambiamento e fanno male.  Perché, a furia di chiamarlo, viene nascosto dalle nostre aspettative. Il cambiamento che invochiamo quando non ci stiamo più dentro è fumo negli occhi.  E quello vero, invece, è una preparazione lenta del terreno.  Sono sguardi fissi sul futuro, mani scorticate, nocche dissanguate cercando gemme tra le dure pietre del terreno. E pianti. E silenzi e silenzi ancora. Il cambiamento sono notti insonni passate a pregare un Dio che si cela perché ci dia la forza di poterci definire ancora uomini.  E urla e grida dall'angolo in cui ci troviamo richiusi, perché ci mostri una via d'uscita. E poi un giorno, senza nemmeno rendertene conto, ne sei fuori.  E scendi al bar, e ordini un cappuccio. E la barista ti guarda e ti dice: cos'hai oggi? Sei diverso. E tu la guardi e non sai che dire. Perché dentro ti senti lo s
stampa la pagina

Mon dernier rayon de soleil ( 7.3.1996 )

Immagine
7 marzo 1966 nasce Francesca.  Nel 1982 io ero un giovane timido, sognatore, come solo un sedicenne fatto col mio stampino può essere. Non amavo giocare a calcio ma guardavo le stelle. E le stelle mi parlavano. Francesca era una creatura solare, gli occhi ridenti e, no, per nulla fuggitivi. Quando si fissavano nei miei venivo attraversato da onde di emozioni che, se chiudo gli occhi, il mio corpo ancora rimembra. Io avevo lo sguardo sempre posato sull'orizzonte, forse un po' malinconico, ma pieno di speranze per il futuro. E, quando il mio sguardo incrociava quello di Francesca, ne sono certo, lei sentiva un canto antico nelle sue orecchie. Mi chiamava, un poco per sfottermi con tenera dolcezza, il guerriero delle stelle. Io ridevo e ridevo e ridevo. Poi tacevo e la guardavo ancora negli occhi. La chiamavo, senza mai dirglielo, brezza marina. Ci tenevamo per mano come solo due sedicenni possono tenersi. Senza parlare. Che altro avremmo potuto dire? Che nome che non f
stampa la pagina

L'incontro

Immagine
La passeggiata di Marc Chagall (particolare) No, non credere che io non sappia  che i nostri sguardi furono preparati  dai venti del tempo e dello stupore.  E non pensare che io non possa  legare al Silenzio eterno delle stelle  la gioia dei nostri non detti.  Gioco di bambini, serio,  abbasso lo sguardo al passaggio angelico  del soffio che lega,  E mi copro il volto, pudico.  Perché scarlatta è la traccia nei cieli  e blu, come il mare, la sua evanescenza.  No, non credere che io non sappia  che è meglio che tutto taccia  e si lasci cullare da un pulsare antico  che, messaggero, ci guida  là dove risiede sereno  il battito lieve d'ali di farfalla 
stampa la pagina

Dormi?

Immagine
Marc Chagall -Bacio (particolare) Un uomo tiene una donna tra le braccia.  L'ama. Le chiede in un bisbiglio, all'orecchio: ”Dormi?”  E spera, che non risponda.  E possa infine vedere  i suoi volti protetti dal Sogno,  dal loro sogno.  Un uomo ricorda,  legandosi alle dolcezze dell'attimo,  sapendo che è memoria  e dimentica l'amarezza e lo strappo.  Un uomo volta lo sguardo al cielo, poi a terra.  Lì, nel mezzo, tutta la poesia del suo dolore.
stampa la pagina

Il maestrino

Immagine
C'era qualcosa di calloso e duro nella sua mano,  cui la souplesse del mio passo non seppe mai supplire. Qualcosa di tenace e duro nella sua voce, qualcosa di non invocato, che le mie schivate giovanili mal seppero evitare. Eppure, quando infine mi disse di smettere di parare i colpi della sua spada e di cominciare la danza del fiore, i suoi occhi erano cieli stellati,  la sua voce il soffio che crea e le sue mani, sí le sue mani, strumenti di chirurgica bellezza.  E fu perché seppi assitere a questa trasformazione  che potei dirmi allievo, e mai Maestro.  Mi chiamò però da allora petit maitre, maestrino.  I miei occhi non furono stelle ma lune,  la mia voce un dolce soffio sulle candeline di ricordi d'infanzia, e le mie mani, già le mie mani, divennero allora mani di padre. 
stampa la pagina