Due poeti allo specchio (Elena Deserventi e Sergio Daniele Donati)

Chiedi al mio silenzio
se parla coi fantasmi e lascia rivoli
di parole sfatte
livide anche al latte di Selene
appese a stralci
di lucciole estreme
Chiedi al mio silenzio
se parla a chi lo sente
entrare nell'impervio
defluire nelle gocce
di lacrime o pioggia
fino all'oceano
cupido dell'orizzonte
Non chiedere nulla
se la tua scelta
è soffocare il non detto
con zeppole di segatura
e torsioni ininterrotte
da insetti devastanti
Chiedo al mio silenzio
la clausura in un eremo
tra nuvole gonfie di morbidezza
un nido d'aquila
Il volo a baciare la luna
l'occhio a cogliere il sole
Vietato ogni suono umano
non chiedermi ormai
del mio silenzio
Elena Deserventi - Inedito 2021

Non pongo domande
a un silenzio che impera sovrano
e si stende come coperta
di lino sacro 
sui miei singulti,
sulle colle -per diluirle-
che attaccano al palato
parole mie sdentate.
Non pongo domande a un silenzio
che si fa miraggio e oasi
per la mia sete di ritorno
e mi bisbiglia piano
in lingua arcana
moniti e parole di seduzione
- mi dice di calmare il respiro
e che esiste un luogo
ove questo mio ininterrotto
questionare il mondo
trova risposta nelle ali del falco
che tagliano l'unità del Cielo
per permettere di intravedere
per un istante il luogo ove si cela,
e attende di essere trovato
come un bimbo a nascondino,
il mio Dio burlone.
Che vuoi che dica al silenzio
che non sia di rendere la mia scrittura
evanescente come traccia
di conchiglia sulla sabbia
o aghi di pino, coperti d'inverno
da una lente neve?

O forse dovrei chiedere al silenzio
di rendere le due apnee 
di ogni mio respiro
i templi sacri dell'incontro con l'Altro
o di farmi così piccolo da poter sussurrare
parole da gnomo
alle ferite del mondo.

Sergio Daniele Donati - Inedito 2021







BREVI NOTE BIOBIBLIOGRAFICHE
Elena Deserventi Laiolo nasce in Piemonte. Dopo la laurea in lettere a Genova si sposa a Grosseto. Piemonte, Liguria e Maremma sono le tre anime che abitano in lei. Ha dedicato la vita all’insegnamento di Italiano e Latino nei Licei di Grosseto. Ha scritto racconti e bozzetti inediti; poesie, alcune edite, in tempi di versi, sulla rivista «Pagine». Nel 2019 ha curato l’antologia di Poesia contemporanea «Nel corpo della voce» (Controluna), raccogliendo alcune delle voci poeti più significative che operano su Facebook. Cura la rubrica «Sotto pelle» su Versipelle.
_______

Sergio Daniele Donati
Avvocato milanese
Autore per Ensemble edizioni della silloge: "Il canto della Moabita" (2021)
Autore per Mimesis edizioni (Collana dei Taccuini del Silenzio) del libro: "E mi coprii i volti al soffio del Silenzio" (2018). Il testo propone spunti sul valore del silenzio nel pensiero ebraico oltre a riflessioni autobiografiche.
Fondatore e caporedattore del litblog Le Parole di Fedro (leparoledifedro.com) ove si possono leggere, tra le altre cose, alcuni dei suoi percorsi nel linguaggio poetico e narrativo.
La sua poesia Dimore è apparsa sulla rivista online Poetarum Silva in data 17.05.2021 nella collana “Il demone dell'analogia” a cura di Paola Deplano.
Tre suoi inediti sono stati pubblicati in data 26.03.2021 sulla rivista online Poetarum Silva nella collana “Una domenica inedita”.
La sua poesia Teshuvah è apparsa in Antologia Aletti editore 2020 relativa al Concorso “Dedicato a…Giornata Mondiale della Poesia”, XVII, tra le finaliste.
La sua poesia Timidezze è stata indicata tra le finaliste al concorso Federiciano II (2020) Aletti Editore.
La sua poesia Itaca è stata pubblicata su Repubblica (Napoli) - Inserto poesia - del 19.12.2020
La sua poesia Canto, scritta a quattro mani con Silvia Tebaldi, è stata pubblicata sulla rivista online Poetarum Silva. Studioso di meditazione ebraica ed estremo orientale, insegna cultura e meditazione ebraica in associazioni e scuole di formazione. Tiene seminari sul valore simbolico dello alfabeto ebraico e collabora con varie riviste e pubblicazioni online di letteratura e poesia.


stampa la pagina

Commenti