In evidenza

Le chiamate (Oblivion)

"Dreaming" di Sergio Daniele Donati
Ho fatto un sogno
- in un sogno 
non so mai
se sia il passato 
che bussa
o il futuro che langue -
e non c'eri, tu.
C'erano le voci;
quelle che, prima di te,
mi indicavano chiaro 
il cammino.
Le sentivo lontane,
evanescenti,
né sapevo più decifrare
il loro messaggio.
Nel sogno scrivevo
con dei gessetti 
sull'asfalto.
Erano lettere sconosciute,
simboli arcani.
Poi la bimba,
comparsa dal nulla,
mi guardava.
"Sei tornato?", mi chiedeva,
"resti?".
Io non so perché piangessi
mentre le dicevo
che le briciole
che avevo sparso 
nel bosco per ritrovare 
il cammino del ritorno
le aveva portate via il vento. 
La bimba mi guardava,
nel mio oltre me stesso,
poi si sedeva tra i gessetti.
"Sei tornato," diceva,
"resti".

Forse ti ho mentito,
nel sogno c'eri.
Eri nelle briciole;
eri il luogo dove ho perso
voci e cammino.



stampa la pagina

Commenti

  1. Guarda, mi vengono i brividi. Sto traducendo il romanzo di Bermúdez e gli ultimi tuoi bellissimi versi coincidono con vari momenti del suo sentire. Quando avrò un attimo di tempo questa (col tuo permesso) la traduco e gliela mando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho parole. Mi onori ed emozioni, Gianni.

      Elimina

Posta un commento