In evidenza

C'è un modo di cantare

Foto di Sergio Daniele Donati


C'è un modo di cantare
piano,
tra sterno e viscere,
per se stessi
incuranti dell'ascolto
(o della sua assenza).


È un canto dedicato (forse)
a ciò che non è,
ancora;
al mondo del possibile.
Tu non chiamarlo poesia.
Non dargli un nome.


C'è un modo di cantare
piano;
tu non chiamarlo poesia.
Fischietta quel canto
e, se in tasca hai un sassolino,
lancialo lontano.


stampa la pagina

Commenti