In evidenza

Dialoghi poetici coi Maestri 11. - Fernando Pessoa

 

Fernando Pessoa - Immagine di repertorio



AMO TUTTO CIO' CHE È STATO

Amo tutto ciò che è stato,
tutto quello che non è più,
il dolore che ormai non mi duole,
l'antica e erronea fede,
l'ieri che ha lasciato dolore,
quello che ha lasciato allegria
solo perché è stato, è volato
e oggi è già un altro giorno.

(Fernando Pessoa - da “Una sola moltitudine”
a cura di Antonio Tabucchi
traduzione di Maria José de Lancastre )


__________

IL MERLO

A volte lo ascolto
- il merlo sul tetto -
e mi pare che il tempo si fermi;
che ogni suo fischio
resti eterno
tra cavi elettrici e tralicci.
L'assenza del tempo è, forse,
la burattatura della mia pietra folle.
Ne rido mentre l'orecchio si posa
sugli intervalli di settima
di quell'uccello;
ne ride anche lui e canta;
sa che di eterno in questo mio scrivere
c'è solo la ripetizione
della stessa promessa.

(Sergio Daniele Donati – 2021 Inedito)


stampa la pagina

Commenti

  1. Bellissimo il sentire la sospensione del tempo. Tra l'altro Pessoa è nel mio Pantheon ideale e vi occupa un posto privilegiato.

    RispondiElimina

Posta un commento