In evidenza

Dialoghi poetici coi Maestri 9. - Pablo Neruda

Pablo Neruda  - Foto di repertorio

CHIEDO SILENZIO

Ora, lasciatemi tranquillo.
Ora, abituatevi senza di me.
Io chiuderò gli occhi
E voglio solo cinque cose,
cinque radici preferite.
Una è l’amore senza fine.
La seconda è vedere l’autunno.
Non posso vivere senza che le foglie
volino e tornino alla terra.
La terza è il grave inverno,
la pioggia che ho amato, la carezza
del fuoco nel freddo silvestre.
La quarta cosa è l’estate
rotonda come un’anguria.
La quinta cosa sono i tuoi occhi.
Matilde mia, beneamata,
non voglio dormire senza i tuoi occhi,
non voglio esistere senza che tu mi guardi:
io muto la primavera
perché tu continui a guardarmi.
Amici, questo è ciò che voglio.
E’ quasi nulla e quasi tutto.
Ora se volete andatevene.
Ho vissuto tanto che un giorno
dovrete per forza dimenticarmi,
cancellandomi dalla lavagna:
il mio cuore è stato interminabile.
Ma perché chiedo silenzio
non crediate che io muoia:
mi accade tutto il contrario:
accade che sto per vivere.
Accade che sono e che continuo.
Non sarà dunque che dentro
di me cresceran cereali,
prima i grani che rompono
la terra per vedere la luce,
ma la madre terra è oscura:
e dentro di me sono oscuro:
sono come un pozzo nelle cui acque
la notte lascia le sue stelle
e sola prosegue per i campi.
E’ che son vissuto tanto
e che altrettanto voglio vivere.
Mai mi son sentito sé sonoro,
mai ho avuto tanti baci.
Ora, come sempre, è presto.
La luce vola con le sue api.
Lasciatemi solo con il giorno.
Chiedo il permesso di nascere.

(Pablo Neruda - 1958)

_________________


NON DIRLO

Non dirlo e lascia che sia
bisbigliato dall'indicibile,
dalla parola muta;

non dirlo e lascia che cresca
il sibilo antico;
il raggio di stella.

Posa lo sguardo altrove,
sul sacro che sorge
nel palmo della mano,

la goccia d'olio
d'un desiderio - mai detto -
d'adesione al vero.

Lo vedi?
Tra i punti del dado,
nei vortici della trottola,

nelle inerzie del pensiero
tace, e dunque esiste,
il richiamo all'appartenenza.

Quindi non dirlo.
E scendi lento
gli scalini di roccia

del tuo ritiro.
Piano - forse troppo piano -
l'evanescenza si impone

e il tuo nome inciso nel tronco
dell'albero antico
brilla corrusco.

Non dirlo, mentre nasce
nei mattini del mondo
il mono-tono della tortora,

mentre la mano si posa
su rossori giovanili
e la nespola risveglia

le nostre primavere.
Non dirlo e fa che il mondo
dimentichi il tuo passo,

e cancelli ogni traccia
d'un ego accecato.
Esistere è dimenticarsi;

essere sconosciuti
al simile e tacere ciò
che la parola non può contenere.

(Sergio Daniele Donati – 2021 Inedito)
stampa la pagina

Commenti

  1. Stupendi questi versi caro mio. Mi sembra che più passa il tempo e più tu migliori. Questi sono versi superbi, per forza, tempi immagini e ritmi. Penso che questa sia la tua strada. Avanti così.

    RispondiElimina
  2. Le ultime tre strofe sono profonde e invitano alla riflessione. In pochi versi hai contenuto il mistero dell'umanità .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono commosso da questo commento. Grazie

      Elimina
  3. I tuoi versi raccolgono una infinità di emozioni. Ci ho trovato anche dell'erotismo... sarà la mia mente? Non dirlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che l'erotismo sia un elemento presente, sì

      Elimina
  4. I tuoi versi sono pieni di emozioni. Ci ho trovato anche qualcosa di erotico... può essere? Non dirlo.

    RispondiElimina

Posta un commento