In evidenza

Notturna

 

Foto di Sergio Daniele Donati

Verrà il giorno

del canto dell'assiolo

e ci immergeremo

in nevi, 

sciolte dal ricordo;

e rivoli d'oblio

ci solleticheranno il collo.

Sarà il giorno 

del sospiro del mughetto

e dell'ironia del ginepro

e dimenticheremo

i nomi delle cose

del mondo.

Ci basteranno

- eccome se basteranno -

profumi senza tempo 

e non trarremo più

nevrotiche liste

e combinazioni di lettere

da memorie mendaci.

Sì, rideremo, liberati

dalla parola, despota seducente.

E ci abbandoneremo

a giochi d'infanzia

con sassi sporchi

di terra nelle mani,

e bocche colorate

da cioccolati fondenti

o dal blu notte del mirtillo.

Allora, in quel giorno,

ci libereremo dal giogo,

dell'imitazione

e entreremo

nel gioco dell'amore,

là, nel bosco 

ove ogni narrazione

ha termine felice 

e inizia

- così, senza sforzo -

un passo senza meta,

il battito senza etica

d'un cuore che vive.






stampa la pagina

Commenti

  1. Perché quel giorno non saremo divisi dal Creato ma saremo nel Creato, insieme a tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come in un ciclo perfetto, separazione e unione giocano a rimpiattino dietro alberi millenari

      Elimina
  2. Ogni tanto mi chiedo
    "Come pensiamo prima di imparare a parlare?" Visualizziamo immagini o semplicemente sprigioniamo energia, e chissà quante cose avremmo da dirci allora anche fuori dalle parole. Forse è vero che il linguaggio rimpicciolisce le idee che nella testa ci sembrano sconfinate. Imporre una organizzazione all'intero flusso, stabilire un ordine calibrando sulla grammatica, non è un po' come cercare di traslare una figura complessa avendo a disposizione solo una formina troppo rigida? Eppure io amo le parole, amo leggerle, ascoltarne la voce. Le parole sono un cibo complesso, comunicare vuol dire diffondere pensieri ma anche interpretazioni di pensieri, fraintendimenti a volte, ma pure sensazioni, significati, odori... e allora come conciliare le due strade.
    Forse le parole sono astronavi su cui viaggiano i nostri sogni e le nostre emozioni ma anche i sogni e le emozioni di chi le ascolta, si spostano tra una solitudine e l'altra, nutrite dalla passione di chi le ha concepite e trovano il modo di esprimersi attraverso l'empatia di chi le raccoglie. A volte raccontano tutte altre storie, a volte, invece, colmano vuoti, liberano silenzi di pace... in entrambi i casi è una piccola magia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo suo commento è molto profondo davvero e preferisco non aggiungere altre parole alla sua linea se non un profondo ringraziamento.

      Elimina

Posta un commento