In evidenza

Oblivion (3) Y Final


Alla prima spremitura
l'olio sacro
sembrava pece,
ricordi?
Aderiva alle nostre mani
senza altro appiglio
alla vita
che i nostri corpi,
sudati.

Furono i tuoi passi
e i miei respiri
a render puro
un amore colloso;
e, mentre colava
a terra,
s'aprivano varchi
di risate
senza scopo
tra i nostri sterni.

Ora io vado
e tu cammini
su fili d'argento
puro,
e in quei varchi,
benedetti dalla follia
dei nostri passi
allacciati,
affonda le radici
un giovane albero,
forse un salice,
capace di ricordo.



stampa la pagina

Commenti

  1. Oblivion non so cosa sia, ma la poesia è super!

    RispondiElimina
  2. Meravigliosa! Nella pura tradizione lirica greca! Nelle tue strofe, sento il profumo del Mediterraneo!

    RispondiElimina
  3. Un gioco di rimandi e di assonanze mentali e contestuali sorprendente. Evocativo il ritmo e la sonorita'. Vedo in questo testo un'anamnesi molto piu' che un oblivion! E' sempre un incontro profondo, importante, sfidante e nello stesso tempo giovibile della sua bellezza

    RispondiElimina

Posta un commento