Post in evidenza

Il pugile (ispirata a: Gioco d'azzardo di Paolo Conte)



Schiva, schiva, para, schiva e colpisci.
Montante basso, para, schiva, schiva ancora.
E saltella, danza, cambia guardia, resta al centro del ring, attacca, danza ancora.
Diretto, gancio, diretto.
Alza la guardia, esci dalle corde, schiva.
Colpisci ora. Colpisci...ora.

E nella testa quel ritornello, piazzato sotto l'arcata sopraccigliare ormai rotta:
“io parlo di me, di me che ho goduto, di me che ho amato e...”.

Attento, para, ora entra nella sua guardia. Uno, uno, due.
Uno. Saltella. Al corpo, al corpo, senza sosta, senza pietà, toglili il fiato.

“...e che ho perduto”.

Gancio, gancio, diretto, gancio. Non fermarti.

“Adesso è tardi e dico soltanto...”

Cambia guardia ancora, il sudore ti brucia nel sopracciglio.
Non importa, mordi, attacca, attacca, non dargli sosta.

“...che si trattava d'amore”.

Diretto, diretto, gancio, montante, diretto. E' a terra.
….sette, otto, nove, dieci

“...e non sai quanto”.


Commenti