Post in evidenza

Mem


Il secchio,
guardia dell'abisso,
copre acque che,
goccia su goccia,
scorrono sotterranee.
Ti celi al nostro sguardo
e lasci tracce, 
ridente,
tra nespoli e ali di falco.
Noi, quaggiù, popolo
devoto al tuo nascondimento
eleviamo un canto
umano
in tua gloria,
chissà se uditi,
chissà se udito.



Commenti