Post in evidenza

Rami scorticati



Soli siamo rami scorticati,
protesi verso il vuoto.
La verticalità, nostra dittatrice,
archetipo di ciò che fu,
sintesi dei nostri dolori,
ci contorce il corpo verso il cielo.

E allora ci appoggiamo l'un l'altro
rendendo possibile
la salvaguardia del sogno,
la danza delle radici,
la grazia ed il dono
del movimento immobile.

Ci sosteniamo l'un l'altro
sfidando la gravità,
il peso che lento innaffia,
come rivolo sotterraneo,
la parola che, più profonda, custodiamo: speranza.

Commenti